La Russia è fantastica, ma non c'è nessun posto dove ritirarsi: Mosca è indietro.

Il 16 luglio i tedeschi entrarono a Smolensk. Novgorod fu occupata il 15 agosto. L'8 settembre, i nazisti portarono Leningrado sul ring. Il 30 settembre iniziò la battaglia di Mosca, che durò più di 7 mesi. La 316a divisione fucili sotto il comando del generale Panfilov mantenne le difese nella direzione di Volokolamsk ....

A metà novembre, un manipolo di soldati rimasti dalla 4a compagnia quasi distrutta del 2 ° battaglione del 1075 ° reggimento fucilieri, con l'aiuto di sole armi leggere, all'incrocio di Dubosekovo è riuscito a trattenere l'avanzata della colonna tedesca, distruggi 18 carri armati nemici e difendi Mosca.

La storia dell'incredibile coraggio e resilienza di 28 soldati ordinari è nota a ogni scolaro ed è diventata per sempre un simbolo di vero eroismo e prodezza nel nome della Patria.

URSS, fine novembre 1941. Sulla base del resoconto del giornalista Vasiliy Koroteev apparso sul giornale dell'Armata Rossa, Krasnaya Zvezda, poco dopo la battaglia, questa è la storia dei Ventotto di Panifilov, un gruppo di ventotto soldati della 316th Divisione fucilieri dell'Armata Rossa, al comando del generale Ivan Panfilov, che fermò per diversi giorni l'avanzata su Mosca di una colonna di cinquantaquattro carri armati nazisti dell'11th Divisione Panzer. Sebbene armati solo con fucili di fanteria Mosin-Nagant standard e mitragliatrici DP e PM-M1910, tutti inutili contro i carri armati, e con granate anticarro RPG-40 e fucili anticarro PTRD-41 del tutto inadeguati, combattono instancabilmente e con aria di sfida , con un coraggio non comune e una dedizione incrollabile, per proteggere Mosca e la loro Patria.

Un lungometraggio di Andrei Shaliopa e Kim Druzhinin, dedicato alla leggendaria impresa dei soldati sovietici della 316a divisione fucilieri al comando del generale Panfilov. Un manipolo di soldati si difese eroicamente all'incrocio di Dubosekovo e respinse l'attacco dei carri armati tedeschi che si stavano avvicinando a Mosca nel novembre 1941. Fu allora che suonò la frase, nota a ciascuno di noi fin dall'infanzia e che divenne uno dei principali simboli della resilienza e del coraggio dei soldati sovietici: "La Russia è grande, ma non c'è nessun posto dove ritirarsi - Mosca è dietro".

Il film ha ricevuto uno status unico di "cinema popolare": il progetto è stato realizzato principalmente grazie al crowdfunding e al supporto entusiasta dei fan. Dopo aver raccolto oltre 34 milioni di rubli di donazioni private, il film è diventato uno dei progetti di crowdfunding di maggior successo nel cinema russo. La società russa Gaijin Entertainment, lo sviluppatore del gioco di guerra online War Thunder, ha preso parte attiva alla realizzazione del film. Il film ha anche ricevuto il sostegno del Ministero della Cultura della Russia e di Kazakhfilm.

Le riprese sono iniziate nell'ottobre 2013 presso lo studio Lenfilm e sono proseguite nel 2014-2015.
Troupe
cinematografica

: Sceneggiatore - Andrei Shalyopa Regista teatrale - Kim Druzhinin
Produttori - Andrei Shaliopa e Anton Yudintsev
Оператор-постановщик - Никита Рождественский

 ролях:
Яков Кучеревский, Александр Устюгов, Алексей Морозов, Алексей Лонгин, Азамат Нигманов, Дмитрий Гирев и другие
_______________
A parte il suo budget crowdfunding, di Panfilov 28 uomini è stato prodotto con il sostegno dei ministeri della cultura della Russia e Kazakistan . Il ministro della cultura russo Vladimir Medinsky ha elogiato la prevista uscita del film, dicendo alla camera alta del parlamento russo che la produzione riflette l'interesse del paese per i film patriottici. Riferendosi alle critiche sull'accuratezza storica della leggenda sovietica che ha costituito la base del film, ha affermato che la storia è "una leggenda sacra con cui non si dovrebbe interferire. Le persone che lo fanno sono feccia


lurida . _ #русскоекино